Stemma e gonfalone

 

Lo stemma civico

La fattura e la simbologia dello stemma tortonese sono molto antiche, risalgono ai primi tempi dell'araldica comunale, cioè al terzo secolo dopo il mille.
I più antichi stemmi civici sono della seconda metà del XII secolo, allorché Tortona era libero e potente comune.


StemmaDescrizione araldica dello stemma (dallo Statuto Comunale):

"stemma di rosso al leone d'argento, linguato ed armato, tenente con le zampe anteriori una rosa d’argento fogliata e fiorita".



 

Il gonfalone

Il gonfalone è il vessillo, la bandiera della città che accompagnava le cerimonie e gli eserciti.
Il gonfalone di Tortona è di velluto rosso con il leone araldico d’argento e la scritta Città di Tortona.
Oggi il gonfalone viene esibito nelle cerimonie, nelle pubbliche ricorrenze e testimonia la presenza ufficiale del Comune nella manifestazione, nella cerimonia, nella ricorrenza.

La città di Tortona ha ottenuto ufficialmente (con Decreto Governativo in data 28/12/1935) il diritto a servirsi del proprio antichissimo stemma civico, che è, secondo la terminologia araldica, "di rosso al leone d’argento, linguato ed armato, tenente con le zampe anteriori una rosa fogliata e fiorita d'argento". Lo scudo è sormontato da corona marchionale ( corona che rappresenta il Marchesato) ed accompagnato, in punta, dalla divisa 'Pro tribus donis similis Terdona leonis'.
Tale stemma è glorioso retaggio dell'epoca in cui "Terdona" era libero e potente comune. La fattura e la simbologia, infatti, fanno datare lo stemma tortonese ai primi tempi dell'araldica, cioè intorno alla metà del XII secolo. Tuttavia, la più antica rappresentazione conosciuta è del 1426 e compare sul monumento (conservato nell'ingresso del Palazzo Comunale di Volpedo) con cui lo scultore Jacopino da Tradate immortalò la vita e l'opera del capitano Perino Cameri da Tortona.
Il verso leonino che costituisce il motto "Pro tribus donis similis Terdona Ieonis", con il suo riferimento ai "tre doni" è elemento enigmatico dello stemma. Non è escluso che all'origine ci sia semplicemente un tentativo d'interpretazione etimologica del nome "Terdona": Ter dona-Tria dona ovvero tre doni.
Con riferimento abbastanza immediato alla simbologia del leone che porge la rosa, la tradizione identifica i "tre doni" nel "valore, lealtà, cortesia", che, quindi, rappresenterebbero i caratteri salienti del popolo tortonese.
 
 

GonfaloneDescrizione del gonfalone (dallo Statuto Comunale) :

"Il Comune è dotato di un gonfalone di velluto rosso con il leone araldico d'argento e la scritta Città di Tortona".

Un gonfalone si trova nella sala del Consiglio Comunale, conservato in apposita bacheca, mentre un altro gonfalone è destinato all’esposizione nelle cerimonie pubbliche. Nelle cerimonie e nelle altre pubbliche ricorrenze e ogni qual volta sia necessario rendere ufficiale la partecipazione dell'Ente a una particolare iniziativa, il sindaco può disporre che venga esibito il gonfalone con lo stemma del Comune.

La fotografia rappresenta il gonfalone conservato in Sala Consiglio.
 

  • Condividi:
  • Twitter
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • OKNotizie

CERCA


  • 13/12/17 - Campagna per sensibilizzare i proprietari a raccogliere le deiezioni canine
    Leggi il comunicato..
  • 12/12/17 - Aspettando il Natale week end di Musica, Sport e Assaggiatortona
    Leggi il comunicato..
  • 12/12/17 - Iniziative per migliorare la ricezione TV digitale terrestre
    Leggi il comunicato..
  • 11/12/17 - Incontro con Roberto Morgese - Premio Battello a Vapore 2017 quale migliore autore, giovedì in Biblioteca Civica a Tortona
    Leggi il comunicato..
  • 06/12/17 - Numerosi i "pieni di energia" in Piazza Allende
    Leggi il comunicato..

I NOSTRI SOCIAL